Guida Pratica in 10 punti per sopravvivere alle più grandi delusioni della vita

C'è un elenco di cose che si sarebbero dovute consegnare alla nascita. Una guida contro le piccole grandi delusioni quotidiane che avrebbero evitato patemi d'animo, scelte sofferte, notti insonni e chissà cos'altro.

  1. L'immagine a scopo illustrativo sulla confezione non corrisponde mai lontanamente alle merendine che contiene
  2. le Creme Anticellulite non fanno miracoli, men che meno in 7 giorni.
  3. Gli uomini violenti non cambiano. I maleducati neppure. 
  4. Gli amori più viscerali della tua vita erano solo una questione di ormoni.
  5. Tutti i capi vestiari che odierai prima o poi torneranno di moda e finirai con l'indossarli ancora. Si, anche i pantaloni a zampa.
  6. La probabilità di vincere 500.000 euro ai gratta e vinci è pari ad una su sei milioni [fonte: Scientific Games of Atlanta]
  7. Se la persona che ti piaceva aveva nei tuoi confronti atteggiamenti scorretti, ti faceva soffrire ed era sfuggente non è perché ha avuto problemi di infanzia, ha alle spalle una situazione familiare deplorevole, è così intelligente che nessuno lo capisce ed ha sofferto negli anni di esclusione nei confronti della società. Semplicemente, non gli piaci abbastanza. [E sull'argomento è stato girato un film che non potete non vedere. Piuttosto guardatelo da soli in streaming a letto sotto le coperto raccontando ai vostri amici che siete al cinema d'essai a vedere una proiezione speciale de "La Montagna Sacra" di Jodorowsky...]
  8. Non si ha sempre ragione, anche se ci sembra così.
  9. La Famiglia del Mulino Bianco non è mai e poi mai ricreabile nella realtà, perché al mattino l'alito non è profumato e la maggior parte delle persone si sveglia di pessimo umore.
  10. L'uomo o la donna della vita non esiste. Costruiamo nella nostra testa questa chimera, la cerchiamo per anni creando disguidi ed inciampando continuamente, finché non decidiamo noi chi sia l'uomo o la donna per la vita. Ed una volta scelto non è per nulla tutto in discesa, ma è un impegno costante, una marcia continua. Un passare dal voler lodare le famigerate affinità elettive a voler bruciare tutti i libri di Shakespeare che avete nella libreria o maledire Jane Austen per avervi fatto innamorare del Signor Darcy. E scelte, ripensamenti, prove di equilibrio tra libertà personale e responsabilità. Ma sopratutto: confusione.
  11. [si lo so, erano 10, ma questa mi è venuta in mente in extremis mentre sono chiusa nel traffico del mattino] ascoltare Tommy degli Who con una candela accesa non ti farà vedere davanti a te il tuo futuro. Quello non lo puoi vedere neanche con la sfera di cristallo, ma puoi impegnarti in prima persona a costruirlo come vuoi tu. 
image.jpg

E adesso che abbiamo finalmente una lista contro le delusioni...che poi consiste semplicemente nel non illudersi, cosa ci facciamo? 

La leggiamo una volta e poi la stracciamo. 

Perchè in fondo nulla può sostituire la gioia pura ed autentica che si prova nel momento stesso dell'illusione. L'acquolina in bocca che ti viene mentre immagini le merendine all'interno della confezione. Forse, possiamo illuderci ma con un po' di cognizione di causa? Tenere pronte le fasce per le braccia rotte, ma provare lo stesso a lanciarsi nel vuoto. 

Illudiamoci, in fondo è così bello. 

Buona Settimana! 

un abbraccio, Giui.