Amo la poesia

Everybody’s an artist. Everybody’s God. It’s just that they’re inhibited.
— Yoko Ono

Sostituite Artista con Poeta e capirete perché, come secondo punto del mio manifesto, ho scelto:

Amo la poesia.

Amo la poesia tradizionale, l'ho sempre amata.
Il primo uomo di cui mi sono innamorata è stato Eugenio Montale, mi sono innamorata di lui attraverso le sue parole. Ero solo alle medie, ma già consideravo la poesia come una parte essenziale della mia vita.
Tanti poeti [perlopiù deceduti, devo ammetterlo] e poemi hanno attraversato la mia vita e fatto parte di miei platonici amori.

Invenzione del quotidiano_Giui is not an artis_Fotografo Piacenza

Quando ho deciso che avrei affrontato il re-branding, non potevo che pensare alla mia passione per la poesia ed è da questa che è nata la scelta di definirmi Aedo.
La definizione di Aedo è “Poeta epico”.
Nell’Antica Grecia era una figura sacra, un cantore che si accompagnava con la lira, attraverso cui parlavano le muse.
Invece che la lira posseggo una macchina fotografica e mi piace pensare che sia quello lo strumento attraverso cui le muse si palesano per dis-velare la poesia.
Ogni essere umano possiede una poesia intrinseca, ma che spesso, a causa della standardizzazione della meccanicità giornaliera, che ci siamo costruiti, viene inibita.

La fotografia è per me un'operazione di dis-inibizione poetica.

Giui is not an artist

Le nostre storie personali, quelle di cui parlavo nel post sul primo punto del mio manifesto, sono costellate di poesia.
La poesia delle piccole vicende quotidiane.
Proprio l'anno scorso, per la tesi di laurea, mi sono imbattuta in "L'invenzione del quotidiano" di Michel de Certeau ed è stata un'epifania.
Mi sono allenata ancora di più cogliere la poesia negli oggetti di tutti i giorni, soprattutto negli oggetti, appassionandomi così della fotografia still life.
Per questo, nella home del sito trovate le foto tratte dal mio quotidiano. Mi sono esercitata, anzi, mi sto esercitando, a far sì che il mio occhio, attraverso la macchina fotografica, manifesti la poesia intrinseca: delle cose, delle persone.

Giui is not an artist

Perché sì, l'avete anche voi la poesia.
La creatività, l'arte. Anche se vi considerate i meno portati sulla faccia della terra, più pragmatici che eterei, avete sicuramente una poesia sottesa, che ha solo bisogno di essere svelata!

Vi ricordate l’esercizio dell’altra volta?
Beh...vorrei proporvene un altro...

Disinibite la vostra poesia.

Chiudete gli occhi e lasciatevi andare. Svegliatevi prima di quanto fate di solito, guardate le cose che guardate sempre attraverso un gioco di specchi, dalla fessura della finestra. Osservate una foglia da molto molto molto vicino. Guardatevi intensamente allo specchio per il triplo del tempo per cui lo fate di solito. E poi scoppiate in una fragorosa risata. Ridete, ridete finché non vi siete completamente disinibiti, commossi e sconvolti dalla vostra stessa poesia.

Buona disinibizione,
Buona poesia,
Un abbraccio,
Giui