Ispirazioni di Stagione / Cantucci dell'amor proprio

Sono immensamente felice che il progetto "Ispirazioni di stagione", ispiratomi da un cavolo, abbia riscosso così successo!
Purtroppo non so se riuscirò a pubblicare più di una ricetta al mese, perché devo incastrare il progetto con il lavoro, ma chi lo sa, potrebbe diventare il progetto stesso parte integrante del mio lavoro.
No, non ce la faccio proprio a separare lavoro da passione, passione da lavoro, invertendo gli addendi il risultato non cambia: ogni molecola di me si appassiona a quello che faccio, finendo col perdere il confine tra piacere e dovere.

Food photography Piacenza

Riprendo le fila del discorso, per Dicembre vi presento una ricetta speciale, che viene da una persona che ammiro infinitamente e che è per me fonte di grande ispirazione.
Si chiama Nina, la magica Nina, ha scritto un libro, bellissimo, che fa impazzire sia bookeater che social foodie, Romeo e Julienne.
Il sito è una fonte inesauribile di ricette belle, buone e coups de coeur mozzafiato. Se non avete ancora aperto i link, vi siete già persi 50 secondi di intensa bellezza.

Da una maga così non poteva che arrivare una ricetta così magica.
Soprannominati "I cantucci dell'amor proprio", che lei definisce “una coccola da farsi quando tutto fuori e dentro sembra scuro e doloroso, magari dopo una giornata pesante o di incertezze esistenziali”. 
Li state già amando vero?
Come la volta scorsa, per collezionare il vostro libro di ricette ispirazionali stagionali, vi consiglio di scaricare gratuitamente il pdf.

In questo modo, come vi dicevo nel post precedente, l'anno prossimo, oltre ad aver creato una gallery di foodphotography ispirazionale, voi avrete collezionato 12 ricette/ispirazioni da portare sempre con voi e sfogliare nei momenti di calo di poesia.
Ti è venuta l'acquolina in bocca?
Sei una foodblogger, un ristoratore, un appassionato di food e ti va di collaborare con me a questo progetto, contattami, sarà un grande piacere per me fotografare la ricetta di cui vuoi farmi dono e regalarti tutti gli scatti che realizzerò nella sua preparazione!

Ti lascio anche qui sotto la ricetta. Qui invece trovi le foto, in costante aggiornamento, che ispirano i miei pasti, la mia mente ed il mio cuore.

Cantucci dell'amor proprio

INGREDIENTI
1 tazza e mezzo di farina di grano saraceno 1/2 TBSP di lievito per dolci
1 scorza limone grattugiato BIO
1 pizzico di sale
cucchiaino di cannella in polvere (facoltativo)
70 g di mandorle già tostate
1 chia-egg (di cui nella stessa pagina le dosi) o per la versione vegetariana un uovo di gallina
1 cucchiaino di essenza di mandorla
latte di mandorla
1/4 tazza di sciroppo di riso
1 cucchiaio di zucchero di cocc 

Food Photography Piacenza

PREPARAZIONE
Mescolate tra di loro gli ingredienti secchi, la farina, le mandorle e la scorza di limone grattuggiato. A parte amalgamate i liquidi col chia-egg (o con l’uovo montato se avete usato quello) e versateli nell’impasto delle farine.
Se il composto sembra troppo secco, aggiungete un goccio di latte di mandorla.
Impastate con le mani infarinate no a ottenere una palla compatta ma elastica, e quindi stendetela con un matterello su una teglia ricoperta di carta forno.
Aiutatevi con le mani ben infarinate a ricompattare i lati: abbiamo bisogno di ottenere un parallelepipedo, cioè, un rettangolo di pasta alto più o meno un centimetro. Infornate per una ventina di minuti a 170 gradi, in forno ventilato.
Dopo venti minuti, togliete il rettangolo dal forno e lasciatelo raffreddare.
Una volta raffreddato, tagliatelo in striscioline, adagiate i biscotti su una grata da forno, e inforna a 170 gradi per 7-8 minuti, no a raggiungere la doratura desiderata.
A Nina piacciono croccanti e con i bordi quasi bruciacchiati, quindi finge di dimenticarli in forno di proposito qualche minuto in più, attardandosi a sognare ad occhi aperti.

Food Photography Piacenza

Vi auguro buona giornata
Amatevi, soprattutto quando credete

di non meritarvelo.
Un abbraccio croccante,
Giui