Buon 2017, anno dell'Alchimia

Anche quest'anno si apre con la scelta di una parola, che mi farà da guida per 365 giorni.
Ormai è per me una tradizione, una di quelle a cui non voglio rinunciare.
L'anno scorso è stato l'anno della perseveranza...parola rivelatasi epifanica, che ringrazio in ogni sua sillaba. Precedentemente, ho scelto, a ritroso, curaconsapevolezza, gioia e rivoluzione. Parole forti, parole significanti, che hanno portato nella mia vita miglioramenti e cambiamenti, anche se alcune hanno vacillato in alcune stagioni, sono state tutte ottime compagne di viaggio.

Ma le aspettative per il 2017 mi sembravano così ampie, da non riuscire ad essere rinchiuse in un solo termine..per la prima volta ho provato anche a seguire un percorso per trovare la mia parola dell'anno.
Alla fine, come sempre, la parola è scivolata con naturalezza dai miei pensieri ad un foglio di carta:

Giui isnnot an artist

Ecco quale sarà la mia parola del 2017: Alchimia
E' l'unica che ho trovato per esprimere le mie aspirazioni, ovvero, mettere in pratica un insieme di circostanze, perché portino alla mia serenità personale.
Se l'anno scorso mi sono focalizzata soprattutto sul lavoro, (la parola perseveranza era riferita a questo) ora, che il lavoro ha iniziato ad ingranare, regalandomi gioie che non potevo immaginare, aspiro a qualcosa ancora di più: alla serenità.

Ho capito che questa non può essere dipendente dallo sviluppo di un solo elemento nella propria vita, perciò tutte le mie forze saranno rivolte nella ricerca di un equilibrio alchemico, che mi ricorderà di sviluppare equilibratamente sia il mio lavoro, sia gli affetti sinceri, sia l'amore nella mia vita, sia lo sviluppo personale.
Potevo scegliere come parola equilibrio?
No, perché equilibrio è uno stato di quiete dell'esatta distribuzione dei vari elementi...ma nella mia formula magica per la serenità so già non esserci niente di esatto, nessuna quiete, nessuno elemento che peserà uguale...
Alchimia mi ricorderà che la serenità è un allenamento magico nel mescolare insieme l'amore e il tempo per me, il rapporto con la mia metà della mela, la passione per il mio lavoro, coltivare gli affetti di una cerchia di persone in cui mi sento a casa.

Dite che sto chiedendo troppo a questo 2017?
Che forse sono un po' ambiziosa?
...eppure, non mi sembra impossibile, anzi, l'incoscienza gioviale dell'idea di un nuovo inizio, mi da la carica giusta per credere che tutto questo possa realizzarsi.
Sarà necessario impegno costante, autodisciplina e il non perdere il piacere della scoperta delle piccole magie del quotidiano...

Giui is not an artist

ecco, non vedo l'ora di iniziare!
Ci proviamo?

...per farlo ho pensato di lasciarvi un piccolo regalino, questo è il momento dei planning, mensili, annuali, semestrali, settimanali, ne trovate di scaricabili ovunque...tranne che qui. Vorrei regalarvi un pdf da stampare, che non vi pianifichi nulla, ma che vi aiuti a coltivarvi. Lo trovate qui ed è una frase che mi è stata di grande aiuto negli ultimi tempi, che mi ha fatto capire l'importanza di non smettere mai di coltivare me stessa, oltre che il mio lavoro.

Buon 2017.
Vi abbraccio saldamente, per volare insieme senza paure.
G