Giui @Fuorisalone !

Se questo post fosse stato scritto ieri, appena ricevuta la bella novella, probabilmente sarebbe cominciato così:
 
AaaaAAAAAAahahahhahahahahhayyyyyyyuuuuuuuuuuuuupppppiiiiiiiiiii!!!!!!!!!!!!!!!!! yeah yeah yeah yeah!!!!! yup yup yup yup!!!! oh supermegayeah! Here we gooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
 
Ma ieri, dopo la bella novella, non ho avuto neanche la capacità di aprire il Mac.
Ho saltato per casa per circa un'ora e mezza, ubriaca di felicità. Ho persino urlato. Per svariati minuti. E oltre.
 
Sta di fatto che ho partecipato ad un concorso, questo qui .
Sta di fatto che ieri mi hanno comunicato che sono una delle vincitrici, che avrà la fortuna di esporre al Fuori Salone di Milano.
Sta di fatto che se passerete all'Ex Fornace di Mattoni dall'11 al 14 Aprile, sul Naviglio Pavese a Milano, mi troverete lì con il mio nuovo progetto: COLTIVIAMO[CI]
 
 
 

 Cos'è Coltiviamo[ci]?

"In un momento di crisi generale, come quello in cui viviamo si propone di tornare ad un valore fondamentale per l'uomo: il coltivare. Metaforicamente la coltivazione di un fiore diviene la coltivazione del proprio mondo interiore: aspirazioni, pensieri, passioni, nella speranza di poter coltivare insieme un mondo diverso. L'idea si concretizza in un'installazione e performance collettiva, composta da un mini giardino, con cui ogni visitatore potrà interagire "seminando" nella terra un seme vero e proprio, segnalando poi sul cartellino, che vi apporrà vicino, ciò che vuole coltivare di sè".
 
Insomma, coltivare un fiore come metafora per coltivare se stessi.
 
Ovviamente, non ho ancora niente di assolutamente pronto, solo un milioni di schizzi, e come al solito la mia rinomata "ansia da prestazione" mi sta mandando nel pallone. Passo da momenti di sconforto, a momenti di super euforia e momenti di assurda apatia.
Certo che questa pioggia non aiuta.
Certo che finirò col fare tutto due giorni prima senza neanche dormire.
 
Credo che questa opportunità sia calzata a pennello.
Il giorno precedente, la pioggia mi era entrata dentro, non mi aveva lasciato scampo.
Era stato un giorno di quelli in cui i miei sogni sembrano così lontani ed io mi sento una piccola ragazza di periferia illusa e inconcludente.
Giornate che passo a guardare un cavallo di pezza con dentro il mio sogno.
Beh, anche questa volta, mi ha portato fortuna.
Ci saranno altre tantissime giornate così G.,ma le passerai e persevererai, vedrai che persevererai.
 
Quindi, vi aspetto al Fuori Salone e...Buoni Sogni a Tutti!  ;)