To Procrastinate

Procrastinate

Ovvero, essere affetti da "sindrome di Quinto Carlo Massimo il temporeggiatore". Storie simili da procrastinatori seriali, che ieri decisero di rimandare a domani. E a furia di pro-crastinare dopo mesi si è nella medesima situazione, perché non si tratta di una guerra punica, ma di una battaglia contro la propria "paura di non riuscire". Sono io, la maestra del Dilly-Dally, dello Shilly-Shally e dello Aspettare la Manna dal cielo. Inglesismi e dialettismi a parte, il problema rimane: se le cose diventano difficili mi vince l'inerzia. Che sia oggi il giorno giusto per smettere di rimandare [i propri sogni, la scelta difficile da anni accantonata vicino alla bomboniera della comunione dei cugini, la decisione di affrontare ]? Si, lo è di sicuro. 1,2,3, spengo il mac e agisco.