Aperitivo del Venerdì con il Signor Ragnar Kjartansson [di come la musica ti cura l'anima]

[Ho avuto un appuntamento particolare questo Venerdì: un ritrovo in un'affascinante villa spersa nella campagna americana (così verde da non sembrare americana) per una jam session di alcuni amici e amici di amici.] I musicisti sono tutti posizionati in angoli remoti delle stanze, altri invitati (tra cui i proprietari della casa) ed io, invece, siamo seduti all'esterno, sotto al portico, con davanti solo verde esteso a perdita d'occhio.

Qualcuno accorda gli strumenti, qualcuno scalda la voce: Cominciano.

Senza farmi vedere, sgattaiolo via dal portico ed entro in casa, dove comincio a vagare per le stanze, concentrando tutta la leggerezza di cui sono capace nei piedi, attirata dalla musica.                                                                                                                                        Ci sono voci che mi avvolgono e suoni che mi accompagnano verso altri suoni.                                                                                                   Mi sposto da una stanza all'altra e mi sembra che lo spazio sia costruito dalla musica: in biblioteca il suono del piano mi strugge , nello studio le lacrime di Gyða sono le mie, nella sala da bagno la voce e lo sguardo di Ragnar mi intenerisce profondamente.

Mi fermo, respiro e ascolto. Ipnotizzata dalla melodia. Respiro note, Espiro suoni.

E, ancora prima di accorgermene, sto cantando una canzone che non conosco.

One again I fall into my feminine ways You protect the world from me, as I’m the only one who’s cruel,

who’s cruel, who’s cruel, who’s cruel, who’s cruel,

Forse stanno suonando solo per me?                                                                                                                                                                            Sanno che li sto spiando da dietro gli stipiti delle porte, ma continuano a suonare solo per me.                                                                     E' come se fossimo tutti insieme, qui, ma ognuno solo con se stesso.                                                                                                                        E' un'intima poesia decadente in cui io vago malinconica.

Un cannone. Un colpo al quella "palla nera" tra il cuore e l'apparato digerente che da giorni mi tortura, che ora sembra iniziare lentamente a sgretolarsi.

[Ma perché non lo scrivono sui libri di Medicina che la musica ti cura l'anima, eh?]

E...Così come è cominciato dolcemente, dolcemente tutto finisce. Fine di un momento, persistenza dell'emozione.

Tutti finalmente insieme corriamo nel verde esteso a perdita d'occhio.

Nemmeno per un attimo ho pensato di non esser lì con voi. Grazie.

Ragnar The Visitors Kjartansson hangar bicocca

A pink rose In the glittery frost A diamond heart And the orange red fire

Once again I fall into My feminine ways

You protect the world from me As if I’m the only one who’s cruel You’ve taken me To the bitter end

Once again I fall into My feminine ways

There are stars exploding And there is nothing you can do

http://www.youtube.com/watch?v=xUVh2SE0NFA